Accettata la costituzione della Regione come parte civile al processo amianto quater

È un dovere morale essere al fianco delle vittime e chiedere giustizia
Oggi al Tribunale di Gorizia, l’Assessore regionale Sara Vito, ha partecipato alla seduta del processo amianto quater. La Regione ha presentato la richiesta di costituzione di parte civile che è stata accettata assieme a quelle richieste dai sindacati e dalle associazioni esposti amianto.
Sara Vito ha sottolineato: “La battaglia contro l’amianto è un dovere morale e la Regione anche in questo procedimento ha voluto costituirsi come parte civile, perché e importante essere al fianco delle vittime e chiedere giustizia. Quella degli esposti all’amianto è una tragedia che ha colpito a lungo ed in silenzio i nostri lavoratori, le loro famiglie e ancora oggi miete vittime. E’ doveroso fare ogni sforzo per mitigare le sofferenze, sostenere la ricerca per prevenire il rischio, rimuovere l’amianto da tutto il territorio e mettere in sicurezza i siti pericolosi. Questo è ciò che abbiamo fatto in questi anni e che vogliamo continuare a fare.”

Evento storico, firmato l’accordo per l’istituzione del Geoparco Carso-Kras

“Oggi è una giornata storica, lo afferma l’Assessore regionale all’ambiente e all’energia e candidata del Pd alle prossime elezioni regionali, Sara Vito: con la firma sottoscritta questa mattina, la Regione e il Comune di Sežana hanno concordato di istituire il geoparco transfrontaliero nel territorio del Carso classico. Abbiamo davanti a noi finalmente la possibilità di valorizzare un’area di grande pregio geologico, ambientale e culturale.”
L’accordo comprende il territorio dei Comuni sloveni e italiani del Carso quali Divača, Hrpelje-Kozina, Komen, Miren-Kostanjevica, Sežana, Doberdò del Lago-Doberdob, Duino Aurisina–Devin Nabrežina, Fogliano Redipuglia, Monfalcone, Monrupino-Repentabor, Ronchi dei Legionari, Sagrado, San Dorligo della Valle-Dolina, San Pier d'Isonzo, Savogna d'Isonzo-Sovodnje, Sgonico-Zgonik e Trieste. La firma odierna è stata possibile grazie alle deleghe già ricevute dall’Assessore e dal Sindaco di Sežana da parte di tutte le amministrazioni comunali interessate.

Sottoscrivo le richieste della FIAB: la mobilità ciclistica è un valore da sostenere

L’Assessore all’ambiente e all’energia e candidata alle prossime elezioni regionali, Sara Vito, ha sottoscritto i 7 punti proposti da FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta Onlus) rivolti ai candidati alle prossime elezioni regionali. Vito ha commentato: “Con grande piacere ho sottoscritto i 7 punti proposti da FIAB assolutamente in linea con il mio impegno programmatico per la prossima Legislatura che prevede in un punto specifico più piste ciclabili. In particolare lavorerò per implementare i km di piste ciclabili da realizzare in Provincia di Gorizia, per incrementare la qualità dei percorsi ciclabili, per potenziare il turismo sostenibile, per realizzare anche un percorso ciclopedonale lungo la green belt (linea ex cortina di ferro oggi patrimonio ambientale di biodiversità). Ho inserito nel mio programma anche una maggiore cura delle piste esistenti e di quelle future. Abbiamo il Carso, il Collio, l’Isonzo e il litorale costiero che sono tutte aree da Patrimonio Unesco e che possono essere assolutamente godute con la mobilità ciclistica.”

Speleo 2018: più luce su tre misteri del mondo ipogeo Fvg

Le grotte del Friuli Venezia Giulia sono testimoni dei molti misteri idrogeologici che ancora vengono indagati nel territorio regionale. Tre di questi - Timavo, Gorgazzo e Fontanon di Timau - sono stati affrontati nella prima giornata del convegno in corso nell'ambito di "Speleo 2018", manifestazione organizzata dalla Regione e dalla Federazione speleologica regionale al Magazzino delle Idee, dov'è allestita una mostra che può essere visitata gratuitamente fino al 29 aprile.

Il primo mistero è quello del corso del fiume Timavo, il cui percorso labirintico nel sottosuolo è oggetto del programma Timavo System Exploration, varato nel 2013, al quale partecipano 144 persone appartenenti a 19 gruppi diversi di 4 nazionalità. Ad agosto, come ha riferito Paolo Guglia della società Adriatica di speleologia, riprenderà un ciclo di esplorazioni a partire dall'abisso di Trebiciano, il cui sifone d'uscita si è scoperto nel 2015 non essere impraticabile, grazie alla presenza fino ad allora sconosciuta di una campana d'aria.

http://www.regione.fvg.it/rafvg/cms/RAFVG/

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza i cookie.

Continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo