Riforma servizi idrici e rifiuti con nuovo Ausir

La prima seduta dell'assemblea regionale d'Ambito dell'Autorità unica per i servizi idrici e i rifiuti (Ausir), riunitasi alla presenza dell'assessore regionale all'Ambiente, Sara Vito, ha eletto all'unanimità il presidente, scelto nella persona del sindaco di Pozzuolo, Nicola Turello.

"Oggi è un giorno importante - ha commentato Vito - perché, con l'insediamento dell'Assemblea contestualmente alla nomina del presidente, decolla una riforma importante per la governance pubblica integrata dei rifiuti urbani e del servizio idrico che potrà dare risposta a tutte le criticità sul territorio in questi due cruciali settori".

 

Vito ha assicurato ai sindaci che la Regione sarà disponibile ad affiancare i lavori dell'Autorità per quanto riguarda la parte tecnica fino a che l'assemblea sarà in grado di operare a pieno regime. "La riunione di oggi ha avuto toni estremamente costruttivi e ci sono tutti i presupposti affinché l'Autorità diventi pienamente operativa in breve tempo", ha rilevato l'assessore.

Alla prima seduta erano presenti quasi tutti i 18 primi cittadini convocati, da quello di Trieste, Roberto Dipiazza, a quello di Doberdò del Lago, Fabio Vizintin, che si è dichiarato, a norma di legge, rappresentante della minoranza slovena. A parte i sindaci di Chiusaforte e Sesto al Reghena, assenti giustificati, hanno preso parte ai lavori i primi cittadini di Romans d'Isonzo, Trasaghis, Ravascletto, Pozzuolo, Tarcento, Mortegliano, San Vito di Fagagna, Manzano, Porpetto, Fiumicello, Montereale Valcellina, Sacile e Azzano Decimo.

Tra i primi adempimenti a cui il presidente Turello, già assessore all'ambiente del Comune di Pozzuolo e con alle spalle un'esperienza da presidente (dal 2005 al 2009) della società di gestione dei rifiuti A&T 2000, dovrà guidare l'assemblea vi sono la valutazione dello statuto e l'individuazione del nuovo direttore generale dell'Autorità.

"Ho chiesto - ha affermato Turello - che nelle assemblee locali venga presentata la bozza di statuto predisposta dalla Regione per una valutazione e per raggiungere al più presto un accordo sulla versione definitiva che l'assemblea dovrà adottare. Contemporaneamente, prioritario sarà il percorso per individuare la figura del direttore generale tra la rosa di curricula che sono stati valutati idonei dall'amministrazione regionale". In merito, l'Ausir ha chiesto un approfondimento giuridico sul percorso amministrativo.

Da parte sua, Vito ha inoltre informato che l'interlocuzione con l'assessore all'Ambiente del Veneto, Gianpaolo Bottacin, e i sindaci veneti e del Fvg per raggiungere la sigla di un accordo di adesione all'Ambito per l'area del Lemene sta procedendo.

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza i cookie.

Continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

http://www.minambiente.it/

http://www.regione.fvg.it/rafvg/cms/RAFVG/