Avvio verifica VAS piano regionale amianto

Prosegue il cammino avviato dalla Regione per rendere sempre più efficace l'azione di prevenzione sul rischio amianto, e favorire la rimozione dell'amianto presente sul territorio.

La Giunta regionale, su proposta dell'assessore all'Ambiente ed energia, Sara Vito, ha infatti dato l'avvio alla procedura di verifica di assoggettabilità alla Valutazione ambientale strategia (Vas) del Progetto di Piano regionale amianto.

"Un passaggio fondamentale - spiega l'assessore Vito - perché consentirà di raccogliere i contributi e le osservazioni di tutti i soggetti interessati al problema".

 

"L'obiettivo - aggiunge l'assessore - è quello di fare in modo che il nuovo Piano regionale amianto possa essere approvato all'inizio del prossimo anno".

Il Piano tutt'ora in vigore, che è stato introdotto nel 1996, è uno strumento utile, e ha rivelato la sua efficacia nel tempo.

Tuttavia, è ora necessario disporre di uno strumento ancor più idoneo a supportare l'azione radicale di rimozione dell'amianto dal territorio che la Regione sta portando avanti. E che si manifesta anche con la messa a disposizione di contributi agli enti, alle aziende e ai cittadini, per la rimozione e lo smaltimento del pericoloso minerale.

Il nuovo Piano regionale amianto si compone di quattordici capitoli.

Tratta dell'inquadramento normativo di questo importante strumento di pianificazione, del censimento della presenza dell'amianto sul territorio e della relativa mappatura, della creazione dell'Archivio regionale amianto, del controllo delle attività di smaltimento e bonifica, delle azioni a favore della bonifica, delle attività in ambio sanitario, della sinergia tra la direzione centrale ambiente e quella della Salute, delle attività dell'ARPA in materia di amianto, del laboratorio regionale amianto, della formazione dei lavoratori e dell'informazione, della presenza di amianto negli acquedotti, delle fibre artificiali vetrose.

E si conclude con la procedura per l'individuazione degli interventi di bonifica urgenti, e il percorso socio sanitario e assistenziale del soggetto, esposto o già esposto all'amianto, nella regione Friuli Venezia Giulia.

Con lo stesso provvedimento, la Giunta ha altresì stabilito che la verifica di assoggettabilità alla valutazione ambientale strategica comprende la verifica di significatività dell'incidenza.

E di individuare l'autorità competente e la struttura di supporto tecnico alla medesima, l'autorità procedente, il soggetto proponente, e i soggetti competenti in materia ambientale.

La Giunta regionale ha altresì deciso di dare atto che i tempi necessari per l'ottenimento dei pareri da parte dei soggetti competenti in materia risultano determinati in 30 giorni dal ricevimento della documentazione necessaria; di prendere atto del documento Progetto di piano regionale amianto; di prendere atto del documento Rapporto preliminare di VAS e della Relazione di verifica della significatività dell'incidenza; e di dare atto del mandato alla Direzione centrale ambiente ed energia, di svolgere tutte le attività inerenti il procedimento di assoggettabilità a VAS del Progetto di Piano regionale amianto.

Ha infine stabilito di rendere pubblico questo atto sul sito web della Regione.

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza i cookie.

Continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

http://www.minambiente.it/

http://www.regione.fvg.it/rafvg/cms/RAFVG/