A Gradisca campagna sensibilizzazione amianto

Le azioni della Regione per favorire l'individuazione della presenza dell'amianto sul territorio, e la sua rimozione, riducendo i rischi per la popolazione, sono state illustrate ai cittadini a Gradisca d'Isonzo, in un incontro organizzato in collaborazione con il Comune, svoltosi nella sala del consiglio del palazzo municipale.

Presente l'assessore regionale all'Ambiente, è stato ricordato che la prevenzione, un elemento cardine in altri ambiti del settore ambientale, è ora una priorità anche rispetto alla questione dell'amianto.

Ed è affrontata con un approccio multidisciplinare, anche attraverso un apposito tavolo di confronto.

 

Il problema amianto, per quanto attiene alla salute, è trattato da tempo dall'Amministrazione, ma ora costituisce un impegno preciso anche sotto il profilo ambientale, e viene affrontato attraverso il Piano regionale amianto.

E con un'attività di sensibilizzazione della popolazione, degli imprenditori e degli amministratori, che ha come obiettivo la raccolta dei dati inerenti la presenza dell'amianto sul territorio.

La Regione, ha infatti avviato la predisposizione di un censimento dei siti dove la pericolosa sostanza è ancora presente.

Censimento, che si giova delle nuove tecnologie per avere a disposizione informazioni certe e puntuali: l'informatizzazione dei dati permette infatti ora anche ai singoli cittadini di segnalare la presenza dell'amianto sul territorio.

Per questo censimento dell'amianto, l'Amministrazione regionale ha infatti provveduto a realizzare un portale che tratta le problematiche correlate, e contiene le informazioni utili ai cittadini, alle aziende, ma anche agli enti pubblici.

La Regione ha altresì definito tre linee contributive specifiche per concorrere alle spese sostenute per le operazioni di rimozione e bonifica.

Per incentivare, specialmente i privati e le imprese, oltre ai Comuni, ad attivarsi per provvedere alla eliminazione della presenza dell'amianto.

Le domande di contributo possono essere presentate entro il prossimo 15 febbraio, da parte dei privati, ed entro il 28 febbraio, dalle aziende.

Per le informazioni necessarie sono stati attivati appositi sportelli nelle sedi della Regione, a Gorizia, Pordenone, Trieste e Udine.

http://www.regione.fvg.it/rafvg/cms/RAFVG/

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza i cookie.

Continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo